Print Friendly, PDF & Email

ABB ha presentato i risultati finanziari relativi al secondo trimestre dell’esercizio 2022, periodo in cui gli ordini ammontano a 8,8 miliardi di dollari, in crescita del 10% anno su anno. I Ricavi sono pari a 7,3 miliardi di dollari, in calo del 3%. L’EBITA operativo si aggira attorno ai 1.136 milioni di dollari, mentre il Flusso di cassa da attività operative attorno ai 382 milioni di dollari.

“Sono soddisfatto della nostra performance e del fatto che abbiamo fatto un altro passo avanti verso il nostro obiettivo di margine a lungo termine. Sono anche lieto che stiamo andando avanti con lo spin-off di Accelleron e la sua quotazione in Svizzera”, ha sottolineato l’amministratore delegato di ABB Björn Rosengren.

“Nel complesso, sono soddisfatto di come i team abbiano ottenuto una forte crescita degli ordini e un margine in linea con il nostro obiettivo a lungo termine. Ciò è stato ottenuto nonostante la pressione di una catena di approvvigionamento stretta, i blocchi forzati dal Covid in Cina e il contesto inflazionistico. Il flusso di cassa è stato superiore a quello del primo trimestre e mi aspetto un buon slancio nella seconda metà dell’anno. Abbiamo ottenuto una forte crescita degli ordini del 10% (20% comparabile) e abbiamo visto uno sviluppo positivo in tutti i principali segmenti di clientela. Mentre le variazioni dei tassi di cambio hanno pesato sul totale, gli ordini comparabili sono aumentati a due cifre in tutte le regioni. Con tutte le aree di business in crescita a due cifre, l’assunzione di ordini è stata di 8.807 milioni di dollari e un portafoglio ordini record di 19,5 miliardi di dollari. In totale, i ricavi sono diminuiti del 3%, anno su anno. L’impatto negativo delle variazioni dei tassi di cambio e dei cambiamenti di portafoglio ha superato gli aspetti positivi della forte esecuzione dei prezzi e dell’aumento dei volumi, con questi ultimi in qualche modo frenati dalla catena di approvvigionamento tesa. I ricavi comparabili sono aumentati in tutte le aree di business ad eccezione di Robotica e automazione discreta che, insieme alla divisione Distribution Solutions in Electrification, sono dove le consegne ai clienti sono state materialmente rallentate dalla carenza di componenti. Nel complesso, i vincoli della catena di approvvigionamento si sono leggermente allentati rispetto al trimestre precedente, tuttavia abbiamo assistito a una pressione temporanea sulle consegne dei clienti in Cina, dove i blocchi hanno rallentato la logistica un po’ più del previsto. Prevediamo un ulteriore allentamento della fornitura di componenti nei prossimi trimestri. Sono lieto che siamo riusciti a migliorare il margine EBITA operativo al 15,5%. In particolare, i nostri team hanno compensato con successo gli effetti inflazionistici come i costi di input e il trasporto attraverso una forte esecuzione dei prezzi e volumi più elevati. Process Automation ha notato un netto miglioramento di 180 punti base del suo margine, anno su anno. Sono anche soddisfatto dei livelli di prestazione in Elettrificazione e Movimento, anche se i margini sono diminuiti rispetto ai livelli elevati dell’anno scorso. La robotica e l’automazione discreta è l’area con prestazioni operative inferiori, innescate dalle consegne dei clienti materialmente ostacolate dai blocchi in Cina e dalla carenza di semiconduttori. Inoltre, i risultati sono stati supportati da costi inferiori al previsto in Corporate e Altro, incluso un impatto positivo sul margine di circa 60 punti base relativo all’uscita di un progetto legacy e una vendita immobiliare avvenuta prima del previsto. Analizzando il reddito delle operazioni, includeva voci che influivano sulla comparabilità di circa $ 250 milioni. Questi includono l’addebito di 195 milioni di dollari menzionato in precedenza, innescato dall’uscita da parte nostra della più grande esposizione di progetti legacy in operazioni non principali, vale a dire l’attività di retrofit di treni completi. Include anche l’impatto finanziario della nostra decisione di uscire dal mercato russo, innescata dalla guerra in corso in Ucraina e l’impatto delle relative sanzioni internazionali. Abbiamo avviato il processo di chiusura delle restanti attività in Russia. Ciò ha innescato un addebito di 57 milioni di dollari, di cui 23 milioni di dollari avranno un impatto sul flusso di cassa nel terzo trimestre. Il bilancio è solido, anche se anno su anno il flusso di cassa dalle attività operative nelle operazioni continue è sceso a 385 milioni di dollari, principalmente a causa di un maggiore accumulo di capitale circolante netto. Detto questo, abbiamo continuato a portare avanti il ​​nostro programma di riacquisto di azioni e, subito dopo la chiusura del secondo trimestre, abbiamo mantenuto con successo la nostra promessa di restituire agli azionisti i restanti 1,2 miliardi di dollari dalle reti elettriche provento. Ora continueremo con l’esecuzione del nostro programma di riacquisto in corso fino a $ 3 miliardi. Sulla scia della volatilità dei mercati finanziari, abbiamo deciso di posticipare la prevista IPO della nostra attività di mobilità elettrica. Monitoreremo le condizioni di mercato e ci impegniamo a procedere con la quotazione alla SIX Swiss Exchange quando e quando le condizioni di mercato saranno favorevoli. Nel frattempo, basandosi sul precedente investimento nella fase iniziale di tre anni fa, il team di E-mobility ha accettato di acquisire una partecipazione di controllo in Numocity, una piattaforma digitale leader per la ricarica di veicoli elettrici in India. Questo accordo consente alla mobilità elettrica di sfruttare l’opportunità regionale derivante dalla crescente domanda di soluzioni di ricarica per veicoli a due e tre ruote, auto e veicoli commerciali leggeri. Dopo la chiusura del secondo trimestre, abbiamo deciso di scorporare il business Accelleron con una quotazione prevista su SIX Swiss Exchange il 3 ottobre, previa approvazione dell’Assemblea Generale Straordinaria. Sono lieto di questo in quanto consente agli azionisti di realizzare il pieno valore di Accelleron consentendo ad ABB di concentrarsi sulle sue aree principali di elettrificazione e automazione”.

Nel terzo trimestre del 2022, si prevede una crescita dei ricavi comparabili a due cifre e un miglioramento sequenziale del margine EBITA operativo, escludendo l’impatto positivo di 60 punti base degli special item nel secondo trimestre. Per l’intero anno 2022, si prevede un costante miglioramento del margine verso l’obiettivo del 2023 di almeno il 15%, supportato da una maggiore efficienza poiché viene incorporato pienamente il modello operativo decentralizzato e la cultura delle prestazioni in tutte le nostre divisioni. Inoltre, ci si aspetta un supporto da uno slancio positivo del mercato e del portafoglio ordini.

Share Button

No Banner to display