Print Friendly, PDF & Email

A Milano dal 4 al 7 novembre 2019 andrà in scena la seconda edizione di AIXA – Artificial Intelligence Expo of Applications, evento organizzato da Business International e MiCo – Milano Congressi. Un appuntamento di livello internazionale che occuperà le sale del MiCo, centro congressi di Fiera Milano, con oltre 200 speaker, 100 ore di eventi e 70 incontri che comporranno il palinsesto di una kermesse, in grado di attestarsi come una delle più lunghe maratone di appuntamenti consecutivi sul tema dell’adozione dell’Intelligenza Artificiale per l’industria. Il programma sarà suddiviso in cinque momenti relativi a differenti segmenti, come l’interazione digitale tra uomo e macchina, la data analysis, il marketing, il retail e la ricerca e formazione.

L’intelligenza artificiale è una tecnologia talmente versatile e malleabile da poter essere integrata in qualunque tipo di segmento applicativo, sistema, settore, prodotto e servizio. Secondo i dati di una recente ricerca di IDC, dal titolo “Worldwide Artificial Intelligence Systems Spending Guide”, la spesa globale mondiale in sistemi per l’intelligenza artificiale potrebbe raggiungere i 98 miliardi di dollari entro il 2023, con un tasso di crescita annuale del 28%, soprattutto per applicazioni nei settori banking, retail, manifatturiero, media e amministrazione pubblica. Già entro fine 2019 gli investimenti previsti in questo campo a livello globale dovrebbero superare i 37 miliardi di euro, con gli Stati Uniti a fare da apripista. L’Europa è il secondo mercato globale per volumi di investimenti previsti entro il 2023, con un valore stimato intorno ai 21 miliardi di euro. Se si pensa, inoltre che, sempre secondo lo studio internazionale, solo nel 2019 la cifra si aggirerà intorno ai 7 miliardi di euro, s’intuisce come l’attenzione e l’impegno allo sviluppo di questo nuovo ambiente digitale sia di grande impatto. In questo contesto, l’Italia, però, ha ancora molto da lavorare. Secondo l’analisi infatti il 50% della spesa sarà sostenuta da Regno Unito, Germania e Francia, mentre il contributo del Belpaese sarà irrisorio. Fanno ben sperare, però, tutto quell’insieme di azioni istituzionali volute dal governo tricolore per arrivare a ottenere una strategia nazionale sull’adozione dell’Artificial Intelligence.

Una visione positiva del futuro confermata anche dai risultati di un recente studio realizzato da Amcham, la camera di commercio Usa in Italia, che in collaborazione con Microsoft, Accenture e McKinsey, ha stilato un rapporto relativo all’impatto che l’adozione dell’intelligenza artificiale avrà nei prossimi anni sull’economia delle imprese italiane, dal titolo “L’impatto dell’intelligenza artificiale in italia”. Secondo il report, infatti, il fatturato complessivo di tutte le realtà imprenditoriali che sfrutteranno questa innovazione nei prossimi anni potrebbe raggiungere nel 2030 un livello pari a circa 570 miliardi di euro con un incremento del 23% del Pil nazionale rispetto a quello del 2017. Inoltre, le aziende che sfrutteranno queste nuove tecnologie cresceranno del 3% in più anno su anno rispetto ai propri competitor che non scommetteranno sull’innovazione.

La manifestazione inizierà il 4 novembre alle ore 18:00, presso gli spazi del MiCo – Milano Congressi, con l’appuntamento di Exhibitionist, ciclo di incontri promosso da Fondazione Fiera Milano in collaborazione con Meet the Media Guru, ormai giunto al XXII° appuntamento. Una lecture di Mark Curtis, cofondatore di  Fjord – la unit che si occupa di design e innovazione all’interno di Accenture Interactive – che parlerà della rilevanza, tema di forte attualità, chiave per la comprensione della condizione umana odierna e di conseguenza per il futuro dei brand.

Si prosegue, quindi, dal 5 al 7 novembre con una serie di veri e propri experiential lab dedicati a Artificial Intelligence, Augmented Reality & Virtual Reality e Mar-Tech guidati da Guido Di Fraia, Prorettore alla Comunicazione e all’Innovazione – Laboratorio Intelligenza Artificiale IULM AI LAB dell’università IULM, Lorenzo Montagna, Advisor per strategie aziendali AR, VR & MR, e Presidente per l’Italia dell’VRAR Association, e Alessandro Chessa, CEO e Data Scientist di LINKALAB.

La giornata del 5 novembre avrà un altro momento di grande rilievo pensato per il mondo del retail condotto da Armando Garosci, direttore dell’innovazione editoriale di Largo Consumo. Aixa proporrà anche un intenso programma di workshop  interamente dedicato alla formazione SEO, SEM, Advertising e Social Media, diretto da Francesco Margherita, SEO specialist e fondatore del blog Seogarden.it, e un articolato palinsesto di tavole rotonde e keynote speech che coinvolgerà oltre 100 speaker con più di 25 sessioni parallele guidate da tre chairman straordinari, come Ivano Di Biasi, CEO di SEOZoom e SEO Suite, Gianpaolo Lorusso, specializzato in Search Experience Optimization e in Ottimizzazione delle Conversioni, e Robin Good, fondatore di MasterNewMedia. Un palinsesto ricco, quello di AIXA, che vede la presenza di realtà importanti come Facebook e Microsoft. Oltre a questo, infine, in occasione del 15° anniversario dalla nascita della Digital Analytics Association, l’associazione mondiale di riferimento della community Analytics, il 5 novembre saranno invitati tutti i marketing technologist, i chief data scientist e i digital analyst italiani e internazionali a confrontarsi sui principali temi e trend del momento. Brian Clifton, uno dei massimi esperti di Analytics al mondo, e Lizzie Allen Klein, senior data analyst di Google saranno le guest star di questo momento. A questi si aggiungeranno oltre 20 panel suddivisi in 3 sessioni parallele, guidate da Enrico Pavan, specialista di Digital Analytics e Conversion Rate Optimization e fondatore di Analytics Boosters, che nel 2018 è stato eletto “Top Pratictioner” proprio dalla DAA.

Share Button