Print Friendly, PDF & Email

Porsche Digital sta ampliando il proprio portafoglio di prodotti. L’assistente digitale “Sounce” avrà una migliore capacità di rilevare il rumore di fondo, ad esempio durante i test dei componenti del veicolo. Tra le altre cose, l’obiettivo è migliorare lo sviluppo e la produzione di componenti nell’industria automobilistica. La tecnologia, che utilizza metodi di apprendimento profondo, può rilevare il rumore in modo affidabile e preciso, ad esempio durante i test di resistenza. Ciò riduce la pressione in particolare agli ingegneri di sviluppo, che normalmente devono essere presenti personalmente durante tali test. L’assistente inoltre rende la documentazione degli errori più precisa e semplifica l’analisi delle cause alla radice. “Con Sounce è possibile controllare in modo affidabile lo sviluppo del rumore dei componenti portanti 24 ore su 24 e in varie condizioni. Questo ci consente di migliorare le opportunità di analisi nei primi test sui componenti “, spiega Patricia Rennert, responsabile delle soluzioni di settore presso Porsche Digital. I test acustici basati sull’intelligenza artificiale aumentano la qualità e riducono i costi in un’ampia gamma di applicazioni. Progettato per l’industria automobilistica e i partner La tecnologia, che si basa sul principio della rilevazione delle anomalie, può essere applicata a diversi ambiti. È concepibile, ad esempio, utilizzarlo in situazioni di test in cui un gran numero di segnali acustici diversi rende difficile l’analisi analogica tramite l’orecchio umano. La divisione Industry Solutions di Porsche Digital ha progettato e sviluppato la cosiddetta soluzione Software-as-a-Service insieme al dipartimento di sviluppo di Porsche AG. Porsche Digital è responsabile del funzionamento della tecnologia. “Lo sviluppo di soluzioni tecnologiche industriali è la nostra competenza principale e quindi uno dei nostri principali approcci strategici. Sounce sottolinea in modo impressionante le possibilità, che sono offerte in particolare dai nostri esperti di deep tech”, spiega Mattias Ulbrich, CEO di Porsche Digital GmbH.

Share Button