No Banner to display

Print Friendly, PDF & Email

Un tempo c’erano i mercatini dell’usato. Spesso la prima o l’ultima domenica del mese, dedicati all’arredo, all’abbigliamento o agli accessori, erano l’appuntamento di consumatori attenti e nicchie di mercato. Oggi il second hand è un fenomeno di successo, ben organizzato, con punti vendita fissi, ma soprattutto con un nuovo approccio, tutto online, che ha subito una imponente accelerazione negli ultimi anni.

In giro, in mobilità, sono sufficienti uno smartphone e una connessione dati per accedere a questo universo di articoli di seconda mano da vendere o acquistare. Wiko non poteva non accorgersi dell’interesse nascente dei consumatori e, in primis, delle sue community verso questo nuovo second hand, molto più accessibile e democratico. 

Stando ai risultati che Wiko ha svolto all’interno della sua Instagram community, il 35% dei rispondenti dichiara di avere utilizzato, ben più di una volta, app di shopping second hand.

Preferita la modalità di acquirente rispetto a quella di venditore, il fenomeno sembra non conoscere età. Non è una moda dei giovani, non è un universo accessibile ai soli Millennial e GenZ, anzi. L’84% sostiene che interessa tutti, indistintamente, Baby Boomers e over 60 inclusi.

Lo shopping di seconda mano è sicuramente utile per risparmiare, ma è anche legato alla passione e alla riscoperta del vintage.

Su un punto non ci sono dubbi e la community Instagram di Wiko risponde compatta: privilegiare l’usato è una scelta sostenibile ed eco-friendly. Lo sostiene anche Melania Della Torre, appassionata di vintage e second hand, nota sui social come La ragazza del vintage, che Wiko ha voluto interpellare sul fenomeno.

“Anche se la strada è ancora lunga – sostiene Melania – le cose stanno cambiando. Negli ultimi anni si sta parlando molto di sostenibilità e di economia circolare. Ricordo che non molto tempo fa le persone al solo pensiero di acquistare capi usati storcevano il naso, adesso c’è una diversa attitudine e una maggiore richiesta di questi capi, soprattutto tra gli under 30”.

Secondo Melania Della Torre la tecnologia, le app e l’accesso continuo alle informazioni hanno svolto un ruolo virtuoso e di accelerazione nella diffusione del second hand. Oggi il riciclo dei materiali, abbigliamento incluso, è una delle soluzioni più efficaci a favore della sostenibilità ambientale. Le nuove generazioni lo sanno e danno sempre maggiore valore ai marchi e alle realtà, grandi o piccole che siano, che dimostrano questa sensibilità.

Share Button