Print Friendly, PDF & Email

Dopo una prima metà impegnativa del 2020, Porsche AG ha realizzato un ritorno sulle vendite del 9,9%. Il fatturato di 12,42 miliardi di euro è in calo del 7,3% rispetto all’anno precedente; il ritorno sulle vendite di 1,23 miliardi di euro è diminuito del 26,3% rispetto al 2019. Le buone prestazioni rispetto alla concorrenza si basano su un ampio programma per migliorare il punto di pareggio e i nuovi prodotti Porsche di successo.

“La situazione attuale è stata impegnativa per la nostra azienda. Stiamo gestendo la crisi del coronavirus in modo responsabile e sistematico e allo stesso tempo la vediamo come un’opportunità. Abbiamo ricevuto una spinta dai nostri nuovi interessanti prodotti: dalla 911 Turbo all’auto sportiva elettrica Taycan, che è stata recentemente votata come l’auto più innovativa al mondo”, afferma Oliver Blume, presidente del consiglio di amministrazione di Porsche AG. “Sosteniamo le visioni e stabiliamo nuovi standard. Questo spirito pioneristico è ciò che ci guida”, afferma Blume. “Investiremo 15 miliardi di euro nei prossimi cinque anni nelle sole nuove tecnologie”.

“Quando si tratta di investimenti in elettromobilità e digitalizzazione, siamo ancora sulla corsia di sorpasso”, conferma Lutz Meschke, Vice Presidente e Membro del Consiglio Direttivo responsabile delle finanze e dell’IT presso Porsche AG. “Allo stesso tempo, stiamo continuando a perseguire i nostri ambiziosi obiettivi strategici per il ritorno sulle vendite in modo da poter salvaguardare i posti di lavoro a lungo termine in Porsche.” Ecco perché il CFO afferma che Porsche prenderà ulteriori misure per aumentare l’efficienza. “Sono necessari sforzi congiunti tremendi per garantire posti di lavoro”, afferma Meschke.

Le consegne nei primi sei mesi del 2020 sono diminuite globalmente del 12,4% in totale a 116.964 veicoli. Nonostante i Porsche Center siano rimasti chiusi per diverse settimane, sono state consegnate 4.480 unità della nuova Taycan. L’iconico 911 ha anche ottenuto una crescita del 2,2 percento, con 16.919 consegne. La Cayenne fu il modello più popolare con un totale di 39.245 consegne, mentre 34.430 unità della Macan furono consegnate ai clienti. La Cina è rimasta il più grande mercato unico per volume per il produttore di auto sportive nella prima metà del 2020 con 39.603 consegne. 32.312 auto sono state fornite a clienti europei. Negli Stati Uniti, Porsche ha consegnato 24.186 auto tra gennaio e giugno.

“La crisi del coronavirus non ha lasciato indenne Porsche,” afferma Meschke. “In Europa e negli Stati Uniti, abbiamo subito una significativa flessione nella prima metà del 2020. In Cina e in altri mercati asiatici come la Corea e il Giappone, le cose hanno già funzionato di nuovo bene per alcune settimane”, afferma Meschke. È ancora troppo presto per fare una previsione per il resto dell’anno. “Siamo ottimisti sul fatto che saremo in grado di compensare alcune delle perdite di marzo, aprile e maggio. Naturalmente, ciò sarà possibile solo se non ci sono più battute d’arresto dovute al coronavirus ”, spiega Meschke. Nel 2020, anno del coronavirus, Porsche sta abbandonando il suo obiettivo strategico di un ritorno sulle vendite del 15%. “Ma stiamo facendo ogni sforzo”, afferma Meschke, “per ottenere anche un ritorno delle vendite a due cifre nel 2020”.

Porsche sta perseguendo i suoi ambiziosi obiettivi di sostenibilità più energicamente che mai, con un approccio integrato in tutte le dimensioni economica, ambientale e sociale. “Alla Porsche, il successo commerciale e la responsabilità sociale vanno di pari passo”, afferma Blume. “È particolarmente importante per noi durante la crisi del coronavirus svolgere un ruolo attivo nella società e assumersi la responsabilità. Aiutare gli altri è parte integrante della cultura Porsche”, afferma il Presidente del Consiglio di amministrazione. Ecco perché Porsche ha notevolmente ampliato le sue attività sociali nei suoi siti nazionali e internazionali. Il programma “Porsche aiuta” supporta le task force pubbliche di crisi, le organizzazioni umanitarie, gli ospedali e le persone bisognose attraverso varie iniziative.

Share Button