Print Friendly, PDF & Email

Nell’anno fiscale 2021, BSH Hausgeräte raggiunge ancora una volta il record di vendite nei suoi 55 anni di storia aziendale.
15,6 miliardi di euro di fatturato nel 2021 pari ad una crescita del 12% rispetto all’anno precedente. “Sono lieta che siamo riusciti a raggiungere un altro risultato record nel 2021 nonostante le numerose sfide, e vorrei esprimere il mio sincero ringraziamento per il grande impegno dei nostri collaboratori in tutto il mondo”, afferma la Dott.ssa Carla Kriwet, CEO e Presidente del Consiglio di Amministrazione di BSH Hausgeräte GmbH. “Tuttavia, sappiamo che gli eventi globali continueranno ad influenzare il nostro business nell’anno in corso – oltre alla drammatica situazione in Ucraina, tra i quali la pandemia, che non è ancora stata superata, catene di approvvigionamento instabili e la carenza di semiconduttori”.

Per BSH, la sicurezza dei colleghi in tutti i Paesi è una priorità assoluta. I team di crisi di BSH aiutano i dipendenti ucraini e le loro famiglie a lasciare il Paese in modo sicuro e organizzano il trasporto e l’alloggio. BSH aiuta le persone della regione che si trovano in difficoltà personali e fornisce inoltre sostegno economico per l’aiuto umanitario in loco.

Va da sé che BSH rispetta tutti i requisiti legali e statutari. L’azienda ha interrotto la fornitura di componenti per la produzione e la fornitura di elettrodomestici dall’Unione europea alla Russia e ha altresì sospeso la produzione nei suoi due stabilimenti di San Pietroburgo.

Indipendentemente dalle condizioni particolari della Russia stessa, sta diventando sempre più difficile mantenere le catene di approvvigionamento. Le conseguenti riduzioni di materiale stanno colpendo diverse fabbriche di BSH in Europa e anche lo stabilimento in Turchia, dove il produttore di elettrodomestici è costretto a sospendere temporaneamente gran parte delle sue attività produttive. Le conseguenti ulteriori difficoltà nella fornitura di prodotti finiti. Tuttavia, BSH continuerà a sfruttare ogni opportunità per fornire alla sua clientela pezzi di ricambio e servizi post-vendita.

BSH ha significativamente aumentato le sue vendite in tutte le Regioni nell’anno finanziario 2021. Il produttore di elettrodomestici leader in Europa ha beneficiato della domanda invariata di elettrodomestici di alta qualità a livello internazionale, del suo forte portafoglio di marchi globali e dei servizi digitali innovativi per i consumatori.

Nella Regione Europa, BSH rimane il leader indiscusso del mercato. L’anno scorso, le vendite qui sono cresciute del 9%. I grandi mercati dell’Europa occidentale in particolare, come Germania, Regno Unito, Francia, Spagna e Italia, così come il Nord Europa e la Turchia, hanno registrato una buona crescita.

Nella regione delle Americhe, la crescita si è attestata al 23%.

La Regione Asia-Pacifico/Africa le vendite sono aumentate del 18% rispetto all’anno precedente nel suo complesso. Nel mercato cinese, il più grande della Regione, BSH ha incrementato le vendite del 17% su base annua. In Cina, BSH rimane il principale produttore non cinese di elettrodomestici.

“Per avere successo a lungo termine, ci basiamo su un portafoglio diversificato e puntiamo anche ad aumentare il fatturato nei mercati più piccoli dove ci aspettiamo una forte crescita della domanda”, dice Matthias Ginthum, Chief Markets Officer di BSH Hausgeräte. “In Europa, vogliamo espandere ulteriormente la nostra leadership di mercato. Nelle Americhe, il nostro percorso di crescita è orientato ad essere la prima scelta per i consumatori nei segmenti di lusso e premium in particolare. Anche in Cina, vogliamo espandere ulteriormente la nostra forte posizione di mercato come leader dell’innovazione nei segmenti premium e mid-price. L’Africa e l’India sono zone chiave per l’attuazione della nostra strategia di crescita. Stiamo già producendo a Chennai in India e stiamo iniziando la costruzione di una nuova fabbrica in Egitto, la prima nel continente africano.”

Il più forte driver di vendita nell’anno commerciale 2021 è stata la categoria di prodotti del freddo con una crescita del 20 per cento rispetto all’anno precedente, seguita dalla categoria di prodotti della cottura. Il fatturato del comparto lavaggio è cresciuto del 9%. Nelle lavastoviglie èaumentato del 7 per cento. Anche i piccoli elettrodomestici come le macchine da caffè completamente automatiche, i robot da cucina e gli aspirapolvere hanno avuto uno sviluppo positivo con una crescita del 9%.

Anche la gamma di servizi offerti dal pluripremiato Customer Service di BSH ha ottenuto un aumento delle vendite del 4% rispetto all’anno precedente. I circa 15.000 collaboratori del Customer Service di BSH e i loro service partner hanno continuato a fornire un supporto continuativo ai consumatori in circa 50 Paesi nel mondo nel secondo anno di pandemia.

Alla fine del 2021, BSH impiegava 62.400 persone in tutto il mondo – circa il 4% in più rispetto all’anno precedente. L’aumento è dovuto in particolare alle nuove assunzioni nel settore manifatturiero in seguito all’aumento della domanda.

Con l’espansione dei centri di sviluppo locale nelle Regioni e con l’ampliamento o la realizzazione di nuovi siti produttivi nuovi in Cina, Egitto e Messico, BSH sottolinea il suo obiettivo di porre una maggiore attenzione nel soddisfare ancora più fortemente le esigenze specifiche dei consumatori nei diversi mercati. Allo stesso tempo, la produzione regionale riduce i percorsi di trasporto e le catene di approvvigionamento, il che contribuisce significativamente a ridurre le emissioni di CO2.

Le spese per la ricerca e sviluppo sono aumentate di 47 milioni di euro nel 2021 pari a 755 milioni di euro o al 5 per cento del fatturato totale. In futuro, l’attenzione continuerà ad essere rivolta alle innovazioni incentrate sul consumatore, alle soluzioni IoT, nonché alla digitalizzazione dell’intera catena del valore e allo sviluppo di un’economia circolare efficace.

Secondo uno studio globale BSH del 2021, i consumatori stanno ponendo maggiore enfasi nel condurre uno stile di vita più sostenibile senza dover sacrificare il comfort. Quando si scelgono gli elettrodomestici, l’attenzione si concentra su una lunga durata, un basso consumo di energia e acqua e sull’utilizzo di materiali sostenibili. Anche l’igiene, la freschezza del cibo, così come l’evitare lo spreco alimentare, sono diventate tematiche sempre più importanti.

BSH ha risposto offrendo soluzioni innovative per elettrodomestici e servizi. Per esempio, le nuove lavastoviglie self-learning suggeriscono attivamente programmi di lavaggio ad alta efficienza energetica e forniscono informazioni sul rispettivo consumo di acqua ed energia. In questo modo, BSH aiuta i consumatori a ridurre la propria impronta di CO2. Anche il sistema di indoor gardening, denominato SmartGrow Life, ha a cuore la sostenibilità. Permette ai consumatori di coltivare in modo sano erbe aromatiche e insalate a casa, evitando i lunghi percorsi di trasporto e sostiene l’economia circolare: tutte le parti in plastica bianca dell’apparecchio sono riciclate e riutilizzabili al 100% Inoltre, nuovi servizi digitali come l’app “foodfittery” aiutano a sprecare meno cibo, suggerendo idee di ricette creative basate sul cibo e gli avanzi che abbiamo a casa.

Dal 2020 le operazioni di sviluppo e produzione di BSH in tutte le sue sedi nel mondo sono a zero emissioni di carbonio. Da settembre 2021, BSH si rifornisce di acciaio verde da Salzgitter AG per la produzione di lavatrici a Łódź, in Polonia, con una riduzione del 66% della sua impronta di CO2 . Entro il 2030, tutti i siti dovranno essere forniti con elettricità verde al 100%.

BSH sta utilizzando sempre più materiali riciclati nella produzione di nuovi elettrodomestici. Entro il 2025, almeno il 25% degli elettrodomestici di BSH sarà fabbricato con materiali riciclati. Entro il 2030, questa proporzione dovrà essere raddoppiata almeno al 50%. Allo stesso tempo, BSH si è posta l’obiettivo di aumentare la percentuale di materiali riciclabili negli elettrodomestici ad almeno l’80% entro il 2025 e ad almeno il 95% entro il 2030.

BSH continua ad investire in nuovi modelli di business come il progetto pilota “Refurbished” lanciato di recente in Austria, che per la prima volta propone in vendita lavatrici a marchio Bosch ricondizionate professionalmente e con la garanzia del costruttore. Inoltre dal 2021, in Germania e nei Paesi Bassi i consumatori possono noleggiare elettrodomestici attraverso una forma di abbonamento denominata “BlueMovement”. Dal 2016, il modello di condivisione WeWash offre ai residenti di grandi complessi residenziali in Germania e in Austria la possibilità di prenotare una lavatrice tramite un’app e di pagare cashless per ogni ciclo di lavaggio.

“La sostenibilità non è una questione di stile di vita, e personalmente ritengo che la sostenibilità e la redditività non sono in contrasto. Al contrario. Non sono solo una testimonianza della nostra responsabilità aziendale, ma anche una solida strategia commerciale”, afferma la CEO Dr Carla Kriwet.

Lars Schubert (nella foto) è stato nominato nuovo Chief Operating Officer di BSH Hausgeräte e membro del Board of Management il 1° aprile 2022. Succede alla Dr. Silke Maurer, che ha lasciato l’azienda alla fine di marzo 2022. Schubert è stato in precedenza Chief Technology Officer e membro del Consiglio di Amministrazione di BSH in Cina.

Share Button

No Banner to display