Print Friendly, PDF & Email

L’ultima ricerca di Canalys mostra che la crescita è tornata nel mercato degli smartphone in Europa nel primo trimestre del 2024, con le spedizioni che sono cresciute del 2% su base annua raggiungendo 33,1 milioni di unità. Ciò è avvenuto grazie all’allentamento delle condizioni macroeconomiche e all’avvio di un ciclo di aggiornamento di Android per i dispositivi acquistati durante la pandemia. Samsung è stato il maggiore fornitore nel primo trimestre del 2024, con una quota di mercato del 37%, trainata dalla potente serie Galaxy S24 e da un aggiornamento del portafoglio della sua serie A di fascia bassa. Apple è arrivata seconda con una quota di mercato del 22%. Xiaomi, Motorola e HONOR hanno completato i primi cinque, conquistando rispettivamente quote di mercato del 16%, 6% e 3%.

“La divisione tra i segmenti di prezzo sta aumentando poiché il segmento premium si inclina maggiormente verso la fascia ultra-alta e il mercato di massa si inclina maggiormente verso la fascia bassa”, ha affermato l’analista di Canalys Runar Bjørhovde. “Il primo trimestre del 2024 ha registrato la quota premium più alta di sempre in Europa per un primo trimestre, poiché gli smartphone che costavano 800 dollari e oltre costituivano il 32% delle spedizioni. La performance del mercato premium è stata guidata dalla serie Galaxy S24 di Samsung, aiutata da un grande investimento di marketing che ha messo in evidenza Galaxy AI insieme a significative promozioni di permuta e bundle. Le spedizioni della serie Galaxy S in Europa sono cresciute del 58% su base annua raggiungendo 4,3 milioni di unità nel primo trimestre del 2024. Nonostante la forza della fascia alta, l’ASP è aumentato solo del 2%, a causa di una ripresa regionale della domanda di dispositivi economici. Questo miglioramento della domanda si riflette nell’elevata presenza di modelli economici nella top ten dei dispositivi più spediti, come il Samsung Galaxy A15 e il Redmi 13C e Redmi Note 13 4G di Xiaomi. Il miglioramento della domanda di fascia bassa sarà vitale affinché il mercato ritorni a crescere nel 2024”.

“Le capacità dell’intelligenza artificiale guideranno la comunicazione dei fornitori con i consumatori in Europa per il resto dell’anno, in particolare per quei fornitori che cercano di rafforzare la propria presenza nel segmento premium”, ha affermato Bjørhovde. “In un recente studio sui consumatori condotto da Canalys incentrato sulla percezione europea delle funzionalità dell’intelligenza artificiale sugli smartphone, il 40% degli intervistati ha affermato di essere positivo riguardo a ciò che le funzionalità dell’intelligenza artificiale possono aggiungere alla loro esperienza con lo smartphone. Ma è probabile che il divario tra interesse e intenzione di acquisto sia ampio. Di conseguenza, le capacità dell’intelligenza artificiale dovrebbero essere utilizzate in modo olistico ed equilibrato come parte di un più ampio marketing di prodotto e marchio, poiché il consumatore europeo medio è cautamente ottimista riguardo alle capacità dell’intelligenza artificiale sugli smartphone. Sfruttare l’hype del marketing e l’uso eccessivo dell’intelligenza artificiale aumenterà il rischio di aspettative dei consumatori non soddisfatte, di diluizione del marchio e di ridotta fiducia dei consumatori nella regione”.

Canalys prevede che il mercato europeo degli smartphone crescerà dell’1% nel 2024 poiché la domanda rimane modesta a fronte di cicli di vita dei dispositivi più lunghi. “Le capacità dell’intelligenza artificiale rimarranno prevalentemente un’aspirazione a medio e lungo termine sia per i consumatori che per i fornitori ed è improbabile che stimolino una domanda significativa quest’anno”, ha affermato Bjørhovde. “Nel corso del prossimo anno, i fornitori dovranno dare priorità all’adeguamento della progettazione dei propri dispositivi per conformarsi alla direttiva UE sulla progettazione ecocompatibile, che aumenterà i requisiti per gli aggiornamenti software, la durata e la riparabilità degli smartphone. Trovare un equilibrio tra sostenibilità, conformità, intelligenza artificiale, rafforzamento del marchio e innovazioni hardware sarà vitale affinché i fornitori possano avere successo in Europa negli anni precedenti al 2030”.

Share Button