Print Friendly, PDF & Email

L’Italia resta il Paese dei centri storici. E non solo perché concentrano tante bellezze artistiche e rivestono un ruolo importante nella vita sociale, ma anche quando si parla di commercio Non Food: infatti, nonostante la riduzione numerica, ancora oggi in Italia il 45,7% dei punti vendita non alimentari si concentra nelle aree urbane.
Di questi negozi, oltre la metà è localizzata nei centri urbani di minore dimensione.
A livello territoriale, è soprattutto nel Sud e sulle Isole che le vie commerciali urbane sono le protagoniste del commercio, mentre nel Nord Ovest la concentrazione della rete è divisa fra i centri urbani e i centri commerciali.
A confermare l’attrattività dei centri urbani per il commercio Non Food in Italia è lo Shopping Index, un indice commerciale esclusivo che rileva le insegne presenti in centri urbani e centri commerciali e attribuisce loro un punteggio in funzione del numero dei punti vendita e delle insegne presenti in ognuno dei due agglomerati commerciali. Lo Shopping Index è elaborato da TradeLab per l’Osservatorio Non Food di GS1 Italy, il report che ogni anno riunisce le informazioni su 13 comparti non alimentari: abbigliamento e calzature, elettronica di consumo, mobili e arredamento, bricolage, articoli per lo sport, prodotti di profumeria, casalinghi, automedicazione, edutainment, prodotti di ottica, tessile casa, cancelleria, giocattoli.
«Per le aziende della Distribuzione è strategico essere presenti nei contesti commerciali più attrattivi e nei “contenitori” commerciali più importanti in Italia» spiega Marco Cuppini, research and communication director di GS1 Italy. «Lo Shopping Index proposto dall’Osservatorio Non Food di GS1 Italy è l’unico indice che offre una valutazione qualitativa della composizione degli agglomerati commerciali urbani e, quindi, rappresenta la base per elaborare un rank dei centri urbani e dei centri commerciali, offrendo un ulteriore strumento per valutarne la capacità di attrazione».
A partire dallo Shopping Index, l’edizione 2019 dell’Osservatorio Non Food di GS1 Italy ha elaborato la “top ten” delle zone urbane italiane che nel 2018 sono state le più attrattive per il commercio non alimentare.

Share Button