Print Friendly, PDF & Email

A luglio si stima che il fatturato dell’industria diminuisca in termini congiunturali dello 0,5%. Su base trimestrale mobile l’indice complessivo mostra una contenuta crescita rispetto alla media dei tre mesi precedenti.

Anche gli ordinativi registrano a luglio un calo congiunturale, mentre nella media degli ultimi tre mesi si rileva un modesto aumento congiunturale.

La dinamica congiunturale negativa del fatturato riflette cali mensili su entrambi i mercati: -0,6% è la flessione registrata dal mercato interno e -0,4% quella rilevata per il mercato estero. Per gli ordinativi la diminuzione congiunturale deriva da una marcata contrazione delle commesse provenienti dal mercato interno e da una più modesta di quelle provenienti dall’estero.

Con riferimento ai raggruppamenti principali di industrie, a luglio gli indici destagionalizzati del fatturato segnano aumenti congiunturali del 3,1% per l’energia e dello 0,2% per i beni di consumo; variazioni negative si rilevano per i beni intermedi e per i beni strumentali.

Corretto per gli effetti di calendario, il fatturato totale diminuisce in termini tendenziali dello 0,6%, con cali dello 0,8% sul mercato interno e dello 0,3% su quello estero.

Nell’ambito del comparto manufatturiero, il settore alimentare registra la crescita tendenziale più rilevante, mentre l’industria farmaceutica mostra il calo maggiore.

In termini tendenziali l’indice grezzo degli ordinativi diminuisce dell’1,0%, sintesi di un leggero aumento sul mercato interno e di un marcato calo su quello estero. La maggiore crescita tendenziale si registra nelle apparecchiature elettriche, mentre il peggior risultato si rileva nell’industria dei mezzi di trasporto.

Share Button